Alfabeto pirandelliano by Leonardo Sciascia

By Leonardo Sciascia

Show description

Read or Download Alfabeto pirandelliano PDF

Best italian_1 books

Mauro Manca

Альбом живописи итальянского художника ХХ века Mauro Manca. Tra gli artisti della Neoavanguardia isolana Mauro Manca è il più noto. los angeles sua affermazione alla Biennale nuorese del 1957 con unopera astratta, Lombra del mare sulla collina, è stata a lungo considerata un evento epocale nella modernizzazione della cultura artistica sarda, e sebbene egli risiedesse a Roma da quasi due decenni, i legami mai venuti meno con lambiente sassarese ne hanno fatto immediatamente un punto di riferimento del dibattito regionale.

L'uso politico dei paradigmi storici

E-book through Luciano Canfora

Per la scuola

Calamandrei individuava nella mobilità sociale il principale compito della scuola. L'opportunità aperta a tutti, indipendentemente dalla nascita, di entrare a miles parte della classe dirigente, come garanzia di una giustizia sociale, ma anche come necessità di un rinnovamento efficace dei gruppi dirigenti.

Additional info for Alfabeto pirandelliano

Example text

Tutto ciò stando alla premessa che il cristianesimo vuole affermare il suo dominio su un terreno in cui i culti di Afrodite o di Adone hanno già determinato il concetto del culto. L’esigenza della castità rafforza la veemenza e l’interiorità dell’istinto religioso – rende il culto più caldo, più entusiastico, più carico di sentimento. – L’amore è quello stato in cui l’uomo vede, il più delle volte, le cose così come non sono. La forza dell’illusione è qui al suo apogeo, e così pure una forza addolcente e trasfigurante.

Di questa modernità noi eravamo malati – di una putrida pace, di un vile compromesso, di tutta la virtuosa sozzura del moderno sì e no. Questa tolleranza e largeur del cuore, che tutto «perdona», perché tutto «comprende», è per noi scirocco. Meglio vivere nei ghiacci, piuttosto che tra le moderne virtù e altri venti del Sud!... Noi fummo coraggiosi abbastanza, non indulgemmo né a noi stessi né ad altri: ma per lungo tempo ignorammo dove mai ci andasse portando il nostro coraggio. Divenimmo cupi, ci chiamarono fatalisti.

Tutto ciò che eleva il senso della potenza, la volontà di potenza, la potenza stessa nell’uomo. Che cos’è cattivo? – Tutto ciò che ha origine dalla debolezza. Che cos’è felicità? – Sentire che la potenza sta crescendo, che una resistenza viene superata. Non appagamento, ma maggior potenza; non pace sovra ogni altra cosa, ma guerra; non virtù, ma gagliardia (virtù nello stile del Rinascimento, virtù libera dall’ipocrisia morale). I deboli e i malriusciti devono perire: questo è il principio del nostro amore per gli uomini.

Download PDF sample

Rated 4.51 of 5 – based on 33 votes

Published by admin